mercoledì 8 febbraio 2012

Trasferirsi in Francia

Molte persone per scelta o necessità si trovano a doversi trasferire all'estero.
Nel nostro caso conosciamo la Francia e possiamo dare qualche indicazione in merito.
Anzitutto non è necessario per un italiano avere un permesso di soggiorno,
Poi è importante valutare alcuni apsetti del trasferimento. Uno studente erasmus è interessato ad un alloggio, ai costi dei mezzi pubblici e di qualche locale (cinema, pub), alla vivacità della vita studentesca sia come iniziative didattiche in facoltà che quelle ludiche con altri studenti.
Una famiglia ha necessità di conoscere il sistema meglio, per esempio come aprire un conto bancario, come trovare alloggio, come comprare casa(poi), il costo della vita, informazioni su scuola e sanità (costi, sistema), e più in generale la qualità della vita che non sia solo legata al clima (se la qualità dipendesse da quello andremmo tutti in medioriente) ma ai servizi, alla funzionalità della società, alle prospettive per sè e per i figli.
Anzitutto consoglio di non soffermarsi troppo sul costo della spesa, in Europa occidentale non avrete molte differenze, comunque potete avere una idea tramite sito http://www.chronodrive.fr/ . Invece da considerare come peso sul bilancio familiare,sono le spese sanitarie e scolastiche, quelle di attività dei bimbi, l'affitto, il costo dei mezzi, la tassazione, ecc.
Si apre quindi questo post -forum che vuole raccogliere non solo impressioni ma anche fornire risposte e suscitare una riflessione critica utile prima di trasferirsi.
Naturalmente la Francia è grande e ci sono delle variazioni fra città come Parigi (impareggiabile sui costi), la Costa azzurra (al secondo posto come costi) ed altre realtà come Lille, Tours, ecc.
Però a grandi linee potrete conoscere meglio il sistema francese per scoprire che è ottimale per esempio per una famiglia con due figli, ma ugualmente interessante per single, coppie e studenti.
Fatemi sapere gli argomenti da trattare, ad esempio la tassazione, i costi universitari, i costi della sanità, l'assicurazione auto, ecc.
Ne faremo un bel vademecum.

17 commenti:

Anonimo ha detto...

cosa suggeriresti a chi progetta di trasferirsi in Francia, non sapendo ancora se Marsiglia o Parigi, a seconda delle risposte per un master?

MS ha detto...

Parigi è una capitale importante, piena di opportunità, magari dopo lo studio riesci a trovare lavoro, fare colloqui.
Marsiglia è una cittadina più assolata,più mediterranea, per gli italiani più vicina a un certo modo di vivere, ma trattandosi di studio devi scegliere in base alla struttura più pestigiosa. Se il meglio per la tua formazione è a Marsiglia allora vai li, o viceversa. Sappi che qui in Francia si punta all'eccellenza per la formazione, se vuoi concorrere con i curricula di giovani indiani, americani e russi per posizioni in aziende leader si deve puntare a una formazione eccellente, andare nelle migliori università è un investimento che ritorna, e non sempre sono più costose di certe università italiane. Tempo fà veni a sapere del costo di un master alla Bocconi, era molto più costoso di uno a Cambridge. Nella classifica mondiale la Bocconi rientra nella classifica solo perchè associata in un consorzio universitario, ma Cambridge la conoscono tutti e naturalmente è nelle migliori posizioni. Quindi nel proprio settore consiglio di cercare il meglio, puntare a borse di studio e seguire stage che spesso sfociano in contratti.
Quanto alle due città sono diverse per clima, divertimenti, grandezza..

Anonimo ha detto...

Ciao, mi chiamo Nausica, con il mio ragazzo vogliamo trasferirci o in Bretagna, o in Normandia per trovare lavoro. Quale ci consigli?? La mia mail è: nau9@hotmail.it a presto Nausica

MS ha detto...

veramente non lo so.. Dipende da dove trovate lavoro. Per il resto penso siano due zone carine, ma non le ho mai viste. Mi parlano bene della Bretagna, posto molto gettonato dai francesi dal punto di vista turistico. La Normandia è però più vicina alla regione parigina che è una regione che offre parecchio in termini di lavoro (tante società). Mi spiace non posso essere di grande aiuto. ciao!

Anonimo ha detto...

Ciao, intanto grazie per le info che fornisci, rappresentano per me una sorta di luci a in fondo al tunnel. La mia situazione è io, mio marito 3 figli e cagnolino. Rigetto per l'Italia. Non vogliamo rimanere in un paese che lavorativamente funziona a forza di tagli personale e avanzamenti non meritocratici. Inoltre temo che qui potremo offrire ben poche chance ai nostri piccoli (5anni 3e mezzo e 4 mesi). Pensavamo a Saint Nazaire solo che vorrei capire come muovermi. Si vorrebbe partiretutti avendo come entrata l'indennizzo disoccupazione per poi trovare li lavoro e vita. Sanità? Stipendi medi? Mi consigli qualche scaletta di passi da seguire? Per accedere alle scuole? Grazie danielaben@me.com

MS ha detto...

Ti do il mio parere: per vivere in un posto ci devi abitare, per abitarci deve avere una casa, senza lavoro nessuno ti affitta nulla, salvo andare in residence o hotel costosi più di un affitto.
Quindi la logica mi dice di cercare prima un lavoro,(il marito?), poi si trasferisce per il periodo di prova (dipende dalle aziende, un tot di tempo tipo due mesi),e vive in un residence, una volta confermata l'assunzione cerca una casa in affitto e andate tutti.
Sanità, per la mia esperienza funziona bene, passano anche il dentista. Prenoti una visita, anticipi il pagamento, nel giro di circa 5 giorni ti rimborsano circa il 70% sul tuo conto, il resto lo rimborsa l'assicurazione mutuelle che quasi tutte le società offrono ai dipendenti.
Scuola gratis, compresi libri fino al liceo.
Voi siete coniugi e tre figli quindi avete un quoziente familiare di 4 (1+1+0,5+0,5+1) perciò considera che di tasse pagherete pochissimo se non nulla e dallo stipendio dovrai togliere solo circa un 20% per la pensione.
Hai tre figli quindi tu puoi accedere a qualunque concorso anche senza averne i diplomi. Tu per ogni figlio avuto avrai una diminuzione di 2 anni sulla anzianità per andare in pesnione, quindi ci andrai 6 anni prima degli agli senza figli. Con tre figli con la caf avrai almeno130 euro mensili (in realtà i 130 sono per due figli) che la caf ti pagherà sul tuo conto, e se hai rinunciato recentemente al lavoro in occasione della nascita del terzo filgio la caf ti paga altri soldini fino al terzo anno di vita del bimbo. Elencare tutto è difficile, un articolo di qualche anno fà sul Sole24ore parlava della francia come paradiso fiscale per le famiglie, è vero, con tre figli vivi meglio qui che in italia. Per le attvità extra scolastiche i costi sono irrisori (piscina, danza, conservatorio, se vai con i pubblici paghi non più di 10-15 euro mensili).
Ovvio bisogna abituarsi al nuovo clima, lingua, abitudini, ricrearsi il giro amici, evitare le scuole in zona "difficili". Siccome hai famiglia consiglio dei passi ponderati, poi è solo una mia opinione.
buona fortuna!

Anonimo ha detto...

So gia tutto ma i miei figli hanno etá diverse e la mia preoccupazione é lo studio x una ragazina di13 anni gli altri due hanno ancora6 e7anni . Ma il problema maggiore e trovare un lavoro come carttongessista specializato con 17 anni d'esperienza ed ho ancora 32 anni . Che sia consono ai bisogni e hai tempi della mia famiglia.Sono graditi cnsigli e proposte vantaggioe

MS ha detto...

guarda, in genere qui in Francia gli specialisti in cartongesso sono richiesti, qui usano molto i placo (cartongesso). Penso sia ragionevole però che inizi prima a trovare un lavoro anche come lavoratore autonomo e POI che vi trasferiate. Non so dove abitate ma potrebbe iniziare anche a proporsi in costa azzurra dove i costi sono molto alti e gli italiani che prestano lavori sono ben accetti. QUando abitavo a milano avevo molti clienti dell abanca che lavoravano in svizzera e in costa azzurra pur abitando a milano. può essere un'idea un'inizio per poi consolidare col vero e proprio trasferimento. quanto ai bimbi posso dirti che a Lilleogni anno vedo diverse famiglie italiane e spagnole che arrivano con decathlon magari per missioni di tre anni. I loro figli di varie età si ambientano con la lingue nel giro di qualche mese. Naturalemente se il vostro progetto è forte iniza a far studiare loro il francese per dar loro una base, è sempre meglio, ma ripeto ho visto bambini e adolescenti che sono arrivati qui senza parlare una parola di francese. Qualche mese e il gioco è fatto, sono delle spugne.

Anonimo ha detto...

Ciao io e il mio ragazzo cerchiamo lavoro e una casa all estero dove poterci trasferire. Cosa ci consigli?

MS ha detto...

non lo so, dovete prima cercare un lavoro, guardate sui siti web o sul sito pole emploi, poi una volta firmato il contratto passerete a cercare casa. la prima cosa é trovare il lavoro. una volta che si ha un lavoro una città vale l'altra e se proprio non vi piace dove state potete sempre cambiare, qui in francia girano molto per lavoro, si fanno meno problemi che da noi.

petrolio80 ha detto...

Ciao spero sia sempre attiva la discussione...io forse ho la possibilità di trasferirmi a Montargis nel Loiret regione del Centro. Mi dicono sia una zona adatta alla famiglia e molto tranquilla, ho due bimbe di tre e quattro anni e siamo sulla buona strada per avere il terzo :-). Volevo chiederti come funziona l'inserimento per bambini così piccoli nell'ambiente scolastico e da quanto ho capito li chi ha una famiglia con figli riesce a vivere anche con un solo stipendio (dico vivere in maniera modesta e tranquilla senza ozi vari) perché sinceramente qui in Italia con uno stipendio solo non arriviamo più a mangiare per tutto il mese quasi...grazie mille :-)

MS ha detto...

benvenuta in francia.. abreve! la regione del centro é molto bella, io conosco la zona di bourges ma in genere me ne parlano bene e anche a livello di clima e paesaggio e' meglio che qua a lille!
quanto a inserimento bimbi, io quando sono arrivata a lille avevo uno di 4 e uno di 2. I bimbi sono spugne non preoccuparti che nel giro di qualche mese imparano a parlare. per il figlio di 2 potresti avere qualche leggero ritardo di parola sia in italiano che infrancese, non preoccuparti e' NORMALE.
quanto al 3 figlio i miei auguri e ora due considerazioni generiche:
- con 3 figli siete tecnicamente una "famiglia nulerosa" quindi avete scontono su treni e non solo, in sostanza non pagherete tasse statali;
- co 3 figli avete un quoziente familiare di 4; quindi prendi lo stipendio di tuo marito al lordo, togli un 20% trattenuto alla fonte per la pensione, quello che resta togli 10mila euro e poi dividi per 4. a che corrisponde quella tranche di stipendio come tassazione? nella maggior parte dei casi a zero!!
- iscriviti subito alla caaf perche' con due figli hai diritto a circa 130 mensili esentasse che lo Stato ti versa ogni mese sul conto corrente francese, con tre l'importo aumenta
- considera che le attivita' sportive o extrascolastiche costano poco e potrei permettere una buona qualita' di vita a tutti, per esempio un anno di conservatorio costa 100 euro, un anno di nuoto a lille costa 80 euro, un anno di calcio dai 50 ai 100 euro. ripeto se fosse sfuggito: all'anno! non al mese;
- scuola: libri gratis, quaderni gratis passa tutto mamma francia, ti dovrai procurare solo le penne e e i colori a inizio anno; questo fino al liceo!
- sanita': vai da un medico, anche specialista, paghi la tua quota di solito calmierata attorno ai 23 euro, qualcuno il libera professione fa di piu' ma poi entro cinque giorni mamma francia ti fa un bonifico sul conto e ti rimbrsa il 70/80%; il resto te lo paga la mutuelle che di solito hanno i dipendenti o quadri, insomma i salariati. considera che anche il dentista e' rimborsato ed ha prezzi calmierati;
- dopo il parto avrai diritto a delle sedute per rieducazione perineale, una cosa che molti in italia o non sanno che e' o costa troppo per farlo, qui e' gratis nell'ordine di 10 sedute se ricordo bene, ma anche anni dopo se lo prescrive la ginecologa e' gratis per quelle che prescrive.

insomma penso che arriverete a fine mese con molta meno fatica rispetto all'italia, in piu' se un giorno vorrai lavorare ricorda due cose, uno che potrai accedere a tutti i concorsi pubblici anche senza il diploma richiesto in quanto madre di tre figli, e due che per la pensione, per ogni figli ti abbuonano 2 anni di anzianita';
i costi del cibo al supermercato sono in linea con quelli italiani salvo a volte la frutta che e' piu' cara, ma in compenso risparmi molto su molte altre cosa a partire dalla benzina meno cara al bollo auto o al bollo sul conto corrente che in francia, ebbene, NON ESISTEEEEEE!!!!!!!

petrolio80 ha detto...

ciao grazie per le risposte, volevo chiedere una cosa, scusami non ho capito benissimo il discorso della tassazione, metti che prendo 25000€ l'anno e siamo in 4 (per ora) quante tasse devo pagare? per l'affitto di un appartamento Loyer c.c indica il tutto incluso vero (ho letto che ci possono essere degli aiuti statali per il pagamento di un affitto non ho capito se la casa però è tipo le case popolari in italia)? e la tassa che si deve pagare una volta l'anno quando viene pagata? scusami ma sono un po confuso :)

MS ha detto...

loyer c.c. vuol dire charges comprises dunque vuol dire spese incluse ( valuta se il riscaldamento e' centrale o a parte);
gli aiuti per l'affitto di solito li da' la caf, quindi iscriviti appena arrivi; ci sono varie formule di aiuto, spesso passa per un aiuto diretto a pagare l'affitto, non e' detto che tu debba andare in casa popolare, a seconda dei redditi ci sono case per stipendi medi, e puoi anche andare in un residence bello e nuovo con affitto calmierato questo perche' i proprietari investitori in un alloggio nuovo dato in affitto a prezzo calmierato beneficiano di sostanzioni sconti sulle tasse quindi esiste anche questa formula, comunque la caf di sapra' indicare meglio proprio perche' gli aiuti sono numerosissimi e non ne sono aggiornata da esperta;
per il quoziente funziona cosi': i coniugi valgono 1, i primi due figli 0,5, dal terzo figli si calcola 1: voi é con tre figli avrete quindi quoziente familiare 4 (il quoziente NON e' il nr di persone del nucleo familiare ma un calcolo su di esso); se prendi 25k lordi togli 10k che si fa di default nel calcolo, sei a 15k poi dividi 15mila per 4 e ti viene 3750 euro, a questa tranche la tassa e' zero, quindi non pagherai tasse statali ma soltanto ti verra' trattenuta in busta paga una quota di circa il 20% per pensione e varie cotisations. dovrete poi pagare la tassa di habitation anche se siete in affitto, una tassa sui servizi un po' come quella che han messo in italia (tasi..). se sei proprietario paghi anche la tassa fonciere una sorta di ici.
comunque anche se non paghi tasse statali ogni anno verso febbraio il datore di lavoro ti da un foglio con il lordo preso, e tu entro maggio fai la dichiarazione, il primo anno puoi stamparti il modulo dal sito web del minsitero finanze poi dal secondo anno in poi ti arriva a casa il modulo gia' precompilato, tu lo leggi, lo firmi se i dati son ok e lo rispedisci; scordati caaf, commercialisti, e sindacati vari per la compilazione, non esistono, qua ognuno si fa la dichiarazione da solo perche' e' semplice, devi solo inserire dei dati poi lo stato ti calcola la tassa da pagare se c'e', comodissimo e veloce.
e' ovvio che tu sia confuso, il sistema e' diverso da quello italiano in moolte cose ma considera che poi un po' i colleghi un po' gli italiani che sono ovunque e sono gia' in loco, ti aiuteranno a capire di volta in volta, come funziona.

petrolio80 ha detto...

capito :-) grazie mille!!! ci aggiorniamo se mi si evolve la cosa a breve :)ancora grazie...

Anonimo ha detto...

Ciao, la situazione lavorativa comè in francia??.. cè richiesta e possibilità di trovare lavoro per un ragazzo di 35 anni e una ragazza di 31 diplomati?!.. grazie!!

MS ha detto...

ciao penso che tu ti renda conto della domanda davvero troppo generica che mi hai fatto.
La risposta non puo' essere che generica. La situazione lavorativa e' variegata, la disoccupazione c'e' ma e' anche ovvio che dipende dal settore, dall'azienda, dal profilo.. prima di venire qui o altrove uno dovrebbe inviare il proprio cv fare la selezione e se vien preso ci viene, in francia o ovunque all'estero, con un contratto in mano. L'eta' indicata non e' un problema, semmai cercate prima ognuno nel suo campo di trovare una azienda che vi assuma, sconsiglio di andare allo sbaraglio salvo che non abbiate una famiglia dietro pronta a sorreggervi economicamente, perche' trovare affitto senza avere un contratto e' cosa alquanto complicata, e non solo in francia. in bocca al lupo!